La prima procedura ... Qual è il primo

La prima procedura

Qual è il primo di tutti i comandamenti? Letteralmente: Qual è la procedura (in greco entolè) prima di tutte?
La procedura-entolè non è un precetto imposto dall’esterno, ma un’esigenza che nasce dal di dentro, una specie di legge di natura alla quale non ci si può sottrarre.
Si potrebbe dire che entolè significa esigenza di funzionamento, è la procedura, la conoscenza del meccanismo che può far funzionare una cosa. Non è dunque un comandamento in sé, ma è la procedura, il metodo certo, quel certo modo che funziona ed è efficace. È insieme l’istruzione per l’uso e la conoscenza del meccanismo interno del funzionamento di una realtà.
Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. Letteralmente: E amerai il Signore il Dio di te dall’intero tuo kardìa-cuore-mente e dall’intera tua psyché-modo-di-pensare e dall’intera tua diànoia-intenzione-progetto (è il prodotto della psiche, l’effetto dell’azione del pensare) e dall’intera tua ischyos-forza-vigore-potenza-saldezza.
Ecco la prima procedura del manuale d’uso per il “programma vita”. Questa è la prima legge dominante alla quale tutto ciò che esiste fa riferimento. Non c’è atomo, cucciolo d’orso, cascata, petalo, canto di uccello, volo d’aquila, onda del mare, mutamento galattico, coda di volpe, radice che non realizzi, istante per istante, questa procedura e che non derivi da questa legge dominante.
Seguire questa procedura libera immediatamente dagli attaccamenti, ridona spazio psichico, fisico e spirituale, cancella il trattenere malamente, così rischioso per la salute della persona, riordina gli affetti, fa realizzare i sogni, potenzia il desiderio, apre alla misericordia e alla compassione, insegna il perdono da chiedere a Dio, permette il perdono da offrire ai fratelli, immerge completamente lo spirito e il cuore, oltre che il sistema neuroendocrino immunitario, nella gratitudine e nella pace. Gesù insiste: Non c’è altro comandamento più grande, letteralmente: più grande altra procedura non c’è.

Vangelo di Marco 12,28b-34

In quel tempo, 28 si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?» 29 Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; 30 amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. 31 Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 32 Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; 33 amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». 34 Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Aiuta e sostieni People in Praise affinché il suo servizio rimanga libero, gratuito e accessibile a tutti.