Venerdì 2 Marzo 2018

Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Parola del giorno
Gènesi 37,3-4.12-13a.17b-28; Salmo 104,16-21; Vangelo di Matteo 21,33-43.45-46

Vangelo di Matteo 21,33-43.45-46

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: «33 Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano.
34 Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. 35 Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono.
36 Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. 37 Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!” 38 Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!” 39 Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero.
40 Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?» 41 Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo». 
42 E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: “La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo;
questo è stato fatto dal Signore
ed è una meraviglia ai nostri occhi”?43 Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti».
45 Udite queste parabole, i capi dei sacerdoti e i farisei capirono che parlava di loro.46 Cercavano di catturarlo, ma ebbero paura della folla, perché lo considerava un profeta.

Eredità

Ciò che nella parabola evangelica scatena la violenta reazione dei contadini nei confronti del figlio del padrone è la cupidigia, l’avidità di possedere l’eredità del figlio.
La nostra generazione umana ha cacciato Gesù dal proprio cuore e l’ha ucciso per impossessarsi dell’eredità stessa del Figlio di Dio. L’uomo, sotto l’inganno di Satana, è avido di possedere ciò che Gesù è venuto a donarci per amore. L’uomo vuole strappare dalle mani di Dio ciò che Dio gli ha già donato. L’uomo, ingannato dal Maligno, si comporta così con tutto e con tutti. L’uomo vuole possedere il mondo, la vita, la natura, vuole come proprio possesso tutto ciò che Dio gli ha donato in totale amore e gratuità. In questa perversa percezione della vita l’uomo vuole possedere e dominare, vuole strappare a Dio tutto ciò che è nelle mani di Dio ed è già un dono totale all’umanità: l’acqua, l’aria, le energie naturali, le risorse della terra, gli uomini e le donne, gli animali, le foreste, le cascate, i semi, le molecole, la vita. Quando Gesù, nella sua incarnazione, fece visita alla terra, gli uomini del potere religioso e politico gli opposero resistenza e violenza, perché fu loro chiaro da subito che Gesù non era venuto a fondare una nuova religione o un nuovo sistema politico, che loroavrebbero potuto gestire tranquillamente come tutto il resto, ma era venuto per svelare al mondo questo processo oscuro e malvagio che si adopera per strappare con avidità a Dio e alla vita tutto ciò che Dio e la vita ci hanno già offerto come dono. Ma perché l’uomo è così stupido da voler possedere ciò che già gli è stato donato? Per profitto, è ovvio. Dio dona tutto gratuitamente e il gratuitamente non produce profitto ed è assolutamente inefficace per determinare il controllo, il dominio e il potere.
L’acqua è un dono per tutti ed è gratuita, ma se i potenti se ne appropriano possono venderla e guadagnarci. Così per le risorse della terra di ogni tipo. La guarigione è un dono per tutti ed è gratuita, se si conoscono i meccanismi di come funziona la forza del pensiero collegata alle strutture fisiche ma, se i potenti nascondono ai popoli le procedure della guarigione donata da Dio, possono vendere i loro protocolli medici, la loro chimica e la loro scienza. Nel testo del vangelo proposto manca un versetto, il versetto 44. Non si conosce il motivo di questo taglio, ma il versetto 44 dice: chi cade su quella pietra sarà sfracellato e colui sul quale cadrà lo stritolerà. La pietra di cui si parla è Gesù, la Pietra angolare, la Pietra a fondamento della Vita stessa. Il testo afferma che chiunque cada su quella Pietra, nel senso che invece di farne il proprio assoluto sostegno ne farà il proprio inciampo per ignoranza, il proprio nemico per paura, il proprio scandalo per interesse e avidità, da quella Pietra, dalla Vita, sarà sfracellato. Chiunque non fonderà la propria vita nell’amore e nella gratuità, nella condivisione amante di tutto ciò che ci è stato donato, dalla Pietra, dalla Vita, sarà stritolato.

L M M G V S D
 
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 
 
 
 

Symphonein 15 agosto 2020

SYMPHONEIN
SABATO 15 AGOSTO 2020
ore 17:00

(vai alla traccia per la preghiera)

Leggi tutto

Ultime pubblicazioni

Symphonein 15 agosto 2020 ore 17:00 - Accordati e sincronizzati nella preghiera