Martedì 1 Agosto 2017

Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Parola del giorno
Èsodo 33,7-11; 34,5-9.28; Salmo 102,6-13; Vangelo di Matteo 13,36-43

Vangelo di Matteo 13,36-43

In quel tempo, Gesù 36 congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo». 37 Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo.
38 Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno 39 e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. 40 Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. 41 Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità 42 e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. 43 Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!»

Non combattere

Combattere è sempre usare la forza, la procedura tenebrosa di distruzione del Maligno, sempre. Combattere il male, oltre che usare la forza del Maligno, è mettersi al posto di Dio, è la più perversa e velenosa delle forme di idolatria. Mai nel mondo è stato fatto tanto male come quando si è combattuto contro l’ingiustizia, l’eresia, il peccato, il male. L’ingiustizia non ha mai fatto tanto del male come quando si è combattuto per essa. L’eresia non è mai stata così ingannevole e pericolosa come quando si è combattuto contro di essa. Il peccato non si propaga mai così tanto come quando si cerca di combatterlo. Il male non è mai così potente ed efficace come quando lo si combatte. Il fine non giustifica i mezzi. Il fine svela i mezzi. Ogni combattimento, indipendentemente dal motivo per cui è compiuto, agevola, accresce rinforza il male. Se i mezzi sono del nemico, il Maligno, suo è anche il fine. Se i mezzi sono di Dio, suo è anche il fine.
L’ispirazione di Gesù è altamente illogica per le nostre piccole menti e per i nostri limitati processi mentali e teologici. Gesù ci ispira a seminare il bene, mai a combattere il male. Ci ispira a moltiplicare la gratuità, non a combattere l’ambizione, a generare gratitudine, non a combattere il disinteresse, a immergere il cuore nel perdono, non a combattere l’errore e l’errante. Ci ispira a seminare l’amore come figli dell’amore per moltiplicare ovunque la bellezza, la grazia, la gentilezza, il sorriso, non a combattere.
Quando Gesù tornerà sulla terra darà compito ai suoi angeli e arcangeli di combattere e vincere il male, compito che mai ha dato ai suoi figli umani su questa terra. Su questa terra è solo e unicamente la seminagione e la moltiplicazione del bene e dell’amore che può indebolire il male. I figli del Maligno si riconoscono perché combattono, combattono sempre, tutto e tutti. I figli di Dio si riconoscono perché non vogliono combattere e vincere il male, ma vogliono servire l’amore e seminare il bene.

L M M G V S D
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
 
 
 

Symphonein Celebriamo la Pasqua 2021

People in Praise propone Symphonein Celebriamo la Pasqua 2021, nove momenti di preghiera sincronizzata.

Leggi tutto