Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Mercoledì 23 Novembre 2022

34a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno
Apocalisse 15,1-4; Salmo 97,1-3.7-9; Vangelo di Luca 21,12-19

Salmo 97,1-3.7-9

Grandi e mirabili sono le tue opere, Signore Dio onnipotente.
Oppure: Mirabili sono le opere del Signore

1 Cantate al Signore un canto nuovo,
perché ha compiuto meraviglie.
Gli ha dato vittoria la sua destra
e il suo braccio santo.

2 Il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza,
agli occhi delle genti ha rivelato la sua giustizia.
3
Egli si è ricordato del suo amore,
della sua fedeltà alla casa d’Israele.

7 Risuoni il mare e quanto racchiude,
il mondo e i suoi abitanti.
8
I fiumi battano le mani,
esultino insieme le montagne.

9 Davanti al Signore
che viene a giudicare la terra:
giudicherà il mondo con giustizia
e i popoli con rettitudine.

Vangelo di Luca 21,12-19

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «12 Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. 13 Avrete allora occasione di dare testimonianza.
14
Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; 15 io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
16
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; 17 sarete odiati da tutti a causa del mio nome. 18 Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
19
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

Perseveranza

Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome perché non abbraccerete la scelta di trasformare il vangelo di Gesù in un generico messaggio di umanesimo integrale, di fratellanza universale, proteso a insegnare la pace tra i popoli, l’uguaglianza e la filantropia.
Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome, perché non vi farete ingannare dai capi della religione istituzionale che si mostreranno improvvisamente di un’affabilità mai vista, esibendo grande sensibilità per la solidarietà, la condivisione, ostentando grandi gesti pubblici, ordinati al soccorso dei poveri, dei bisognosi, degli indigenti di tutta la terra, per essere amati e ben accetti da tutti.   
Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome, perché non accorrerete a esaltare e seguire i capi del potere religioso che, nello stesso istante in cui staranno progettando la sottomissione totale del genere umano, per i loro modi cortesi, la loro amabilità, gentilezza, cordialità, socievolezza corrisponderanno perfettamente a tutte le aspettative delle folle, e da tutti saranno amati e celebrati.
Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome, perché, quando tutti si accalcheranno nei templi istituzionali, travolti dall’annuncio appassionante di nuove, compiacenti e innovative riforme della comunità dei credenti, voi continuerete a raccogliervi come comunità di Gesù e, umilmente e in piccoli gruppi, continuerete a cantare il mio nome, ad ascoltare la sapienza della mia Parola, a condividere le vostre risorse, il perdono e la gioia. 
Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome, perché continuerete a guardare a me come al vostro Signore, Pastore e Re e non piegherete il capo, il cuore, le ginocchia e l’intelligenza a nessun altro.
Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome, e invece i capi della religione istituzionale, i nuovi araldi della spiritualità universale e globale saranno venerati, amati, rispettati, adorati da tutti.
Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome, perché non accetterete di scambiare il vangelo con nessun’altra proposta spirituale e filosofia umanitaria, e per questo sarete ritenuti fanatici terroristi, nemici del genere umano, ostili ribelli, pericolosi dissidenti, e sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita.