Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Martedì 22 Novembre 2022

34a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno
Apocalisse 14,14-19; Salmo 95,10-13; Vangelo di Luca 21,5-11

Salmo 95,10-13

Vieni, Signore, a giudicare la terra.

10 Dite tra le genti: «Il Signore regna!».
È stabile il mondo, non potrà vacillare!
Egli giudica i popoli con rettitudine.

11 Gioiscano i cieli, esulti la terra,
risuoni il mare e quanto racchiude;
12
sia in festa la campagna e quanto contiene,
acclamino tutti gli alberi della foresta.

13 Davanti al Signore che viene:
sì, egli viene a giudicare la terra;
giudicherà il mondo con giustizia
e nella sua fedeltà i popoli.

Vangelo di Luca 21,5-11

In quel tempo, 5 mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: 6 «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
7 Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?» 8 Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! 9 Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
10 Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, 11 e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo».

Pietra su pietra

Verranno giorni nei quali di tutto quello che l’umanità ha costruito senza la forza dell’amore e senza la luce dell’intelligenza non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta. Verranno giorni nei quali di tutto quello che l’umanità ha distrutto della vita, vivendo senza la forza dell’amore e senza la luce dell’intelligenza, dovrà essere ricostruito pietra su pietra. Verranno giorni nei quali di tutto quello che l’umanità ha costruito in nome dell’ambizione, della competizione, del conflitto, della vanità, dell’invidia, dell’avidità, della paura, del possesso, del dominio, della supremazia, del potere non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta. Verranno giorni nei quali di tutto quello che l’umanità ha costruito in nome del successo, della fama, dell’orgoglio, dell’arroganza, della prepotenza, della superbia, della magia, della stregoneria, dell’ideologia, delle convinzioni e delle convenzioni umane, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta. Verranno giorni nei quali di tutto quello che l’umanità ha costruito in nome della minaccia, dell’aggressività, dell’abuso, del controllo, della violenza, della brutalità, della crudeltà, dell’odio, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta. Verranno giorni nei quali si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo e di tutto quello che gli uomini hanno costruito a tutti i livelli dell’esistenza, senza umiltà e gratitudine, senza pace e gratuità, senza giustizia e libertà, senza perdono e misericordia, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta. Verranno giorni nei quali della prigione che Satana ha costruito pietra su pietra per rinchiudervi i figli di Dio non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta. E i figli di Dio che avranno perseverato nella fede e nell’amore saranno liberati e vedranno la luce. L’alba dei giorni che verranno, di quei giorni, sta già spuntando all’orizzonte e non è un’alba di sole.