Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Mercoledì 8 Settembre 2021

Natività della Beata Vergine Maria

Parola del giorno
Michèa 5,1-4a; oppure: Lettera ai Romani 8,28-30; Salmo 12,4ab.6; Vangelo di Matteo 1,1-16.18-23

Salmo 12,4ab.6

Gioisco pienamente nel Signore.

4 Guarda, rispondimi, Signore, mio Dio,
conserva la luce ai miei occhi.

6 Io nella tua fedeltà ho confidato;
esulterà il mio cuore nella tua salvezza,
canterò al Signore, che mi ha beneficato.

Vangelo di Matteo 1,1-16.18-23

1 Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo.
2
Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, 3 Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esrom, Esrom generò Aram, 4 Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmon, 5 Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, 6 Iesse generò il re Davide. Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa, 7 Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asaf, 8 Asaf generò Giosafat, Giosafat generò Ioram, Ioram generò Ozìa, 9 Ozìa generò Ioatàm, Ioatàm generò Acaz, Acaz generò Ezechìa, 10 Ezechìa generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosìa, 11 Giosìa generò Ieconìa e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.
12
Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconìa generò Salatièl, Salatièl generò Zorobabele, 13 Zorobabele generò Abiùd, Abiùd generò Eliachìm, Eliachìm generò Azor, 14 Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, 15 Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, 16 Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
18
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. 19 Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
20
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; 21 ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
22
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: 23 “Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele”, che significa Dio con noi.

Spirale

La genealogia di Gesù rivela una verità meravigliosa. In Dio e nella vita che Dio ha creato non esiste il caso, nulla mai accade per caso, e se nulla mai accade per caso significa che tutto sempre ha un significato, un nesso, un senso, un collegamento, anche quando è invisibile agli occhi della mente umana.
La genealogia di Gesù rivela un’altra verità meravigliosa. In Dio e nella vita che Dio ha creato non esiste il caso e nulla mai accade per caso, perché tutto sempre ha un significato, un nesso, un senso, un collegamento, anche quando è invisibile agli occhi della mente umana, allora significa che tutto sempre nella vita accade e si muove secondo una sequenza, una sequenza precisa che obbedisce alle procedure delle leggi dominanti della vita che tutto regolano in tutti i multiversi creati, leggi che si incrociano con il libero arbitrio dell’uomo. Il fatto che nulla accada per caso non significa che tutto sia già e sempre preordinato e prestabilito, anzi, la sequenza di ciò che accade, pur seguendo un ordine preciso, è tutta assolutamente legata anche al libero arbitrio dell’uomo e dunque determinata dalle scelte e dalle azioni dell’uomo e dalle risonanze che egli crea con gli altri, secondo le energie che l’individuo sceglie di generare.
La genealogia di Gesù rivela ancora un’altra verità meravigliosa. In Dio e nella vita che Dio ha creato nulla mai accade per caso, perché tutto sempre ha un significato, un collegamento e dunque tutto sempre nella vita accade e si muove secondo una sequenza, una sequenza precisa. È proprio questa sequenza a permettere che tutto ciò che accade, accada sempre in modo graduale per il rispetto e l’armonia di tutte le realtà create. Tutto sempre si muove in modo graduale, anche quello che per la mente umana accade in modo improvviso, inaspettato, incomprensibilmente fulmineo, insospettato. 
La genealogia di Gesù rivela ancora un’altra verità meravigliosa. In Dio e nella vita che Dio ha creato non esiste il caso, ogni evento ha un senso e un collegamento, tutto accade secondo una sequenza e in modo graduale, e la sequenza degli eventi ha una forma energetica definita, precisa e particolare, è a forma di spirale, una spirale che si muove attorno al suo centro energetico, al proprio vortice di energia in espansione dal basso verso l’alto. La spirale è una linea curva che ruota attorno a un punto centrale e che si allontana progressivamente da tale punto. Tra le molte tipologie di spirali quella più legata alle proporzioni matematiche è la spirale logaritmica, perché segue una crescita esponenziale stabilita dalle leggi fisiche dell’universo. La spirale logaritmica è presente in ogni angolo della vita, nelle galassie, nei semi, nei fiori, nei frutti, negli animali, nella forma e nelle proporzioni delle ossa, dei tessuti, degli organi del corpo umano. La spirale logaritmica, detta anche spirale aurea, permette lo sviluppo armonico delle forme, la regolarità e l’ordine delle connessioni energetiche, la loro bellezza, e garantisce a tutti gli esseri viventi di crescere in maniera ottimale e meno dispendiosa possibile. La spirale aurea cosmica biofisica, cui tutta la vita dei multiversi è collegata, può illuminare la visione alla comprensione secondo cui anche gli eventi e le energie che l’uomo muove nella vita accadono tutti e sempre in sequenza a forma di spirale che conduce in modo graduale verso l’alto. In questo modo tutto ciò che accade, anche quando sembra del tutto decentrato, in realtà è collegato al centro vitale propulsivo, altrimenti non potrebbe esistere e, anche se sembra ripetersi, in realtà non accade mai allo stesso modo, nello stesso momento e allo stesso livello evolutivo. Non c’è mai nulla di uguale a qualcos’altro, e nulla, assolutamente nulla, andrà disperso e perduto. Satana, da quando si è staccato da Dio, ha cercato in tutti i modi di violentare, decentrare, corrompere, squilibrare, guastare questa spirale della vita, ha cercato di renderla odiosa, disarmonica, assurda agli occhi e al cuore degli uomini, ma anche lui non può fare a meno di rimanervi collegato, perché non può evitare di essere vivo. Satana sa che lui, come tutto ciò che Dio ha creato, non può autoeliminarsi dalla vita, nessun essere vivente può distruggere l’atto creativo di Dio. L’uomo dovrebbe cominciare ad aprirsi alla conoscenza secondo cui è immortale per un meraviglioso dono di Dio, ma anche al fatto che, se non volesse essere immortale, non potrebbe fare nulla per non esserlo. L’uomo su questa terra può uccidere e può uccidersi, ma non può eliminare o eliminarsi dalla vita. Dunque la genealogia di Gesù ci rivela che nulla accade per caso, tutto ha un senso, un nesso, tutto e sempre accade secondo una sequenza progressiva precisa che ruota a forma di spirale attorno a un vortice di energia in espansione dal basso verso l’alto e questo permette che tutto e sempre sia graduale, mai nulla si possa ripetere uguale, né allo stesso livello evolutivo, e che mai nulla vada perduto.
Nella vita che Dio ha creato tutto accade in sequenza ordinata e centrata anche se si manifesta ai nostri occhi nel disordine e fuori asse. Tutto è in sequenza progressiva graduale, anche se si presenta in modo inaspettato, rovinoso, assurdo, devastante. Tutto sempre accade senza ripetersi, tutto sempre ruota a spirale attorno a un centro vitale che procede verso l’alto per una più alta evoluzione verso Dio, e nulla mai va perduto.
La stessa vita biologica, nella sua incalcolabile complessità, è organizzata, costituita, orchestrata, ordinata da una sequenza a spirale che l’uomo chiama DNA. Anche quando, con la sua mentalità, l’uomo non riesce a capire nulla di ciò che accade, tutto è sempre in sequenza ordinata, precisa e graduale. Come non c’è un DNA spazzatura – in tal modo la scienza accademica ufficiale definisce la stragrande maggioranza del DNA che non riesce a decifrare e che ritiene incoerente, inutile e inerte –, così non ci sono eventi spazzatura, anche quando sono eventi insignificanti, senza un senso, assurdi, o generati da collegamenti e risonanze malvagie ed estranee a Dio. Non ci sono eventi, uomini, donne, tempi, materia, circostanze, vicende, energia spazzatura, ma solo realtà che la mente senza conoscenza non riesce a collegare. Il racconto della genealogia di Gesù afferma che il Signore della Vita che tutto salva e sana, quando ha deciso di fare visita all’umanità, ha scelto di farlo incarnandosi nella spirale a sequenza del DNA di coloro che desiderava salvare e sanare, per entrare nell’umanità in modo ordinato, armonioso, secondo una sequenza precisa, centrato nella volontà di Dio.
Maria, la grande madre, è il punto di contatto tra il supremo e l’umano, il ponte che collega la spirale della storia umana con la spirale della vita divina. Il di Maria fa parte di questa sequenza nel progetto di Dio, è il segno che tutto è nelle mani di Dio e allo stesso tempo tutto è anche nelle mani delle scelte dell’uomo. Il di Maria ha generato più evoluzione nella vita umana che milioni di anni di storia umana. Chi poteva entrare in questo modo nella vita della terra e dell’uomo, se non Dio, il Figlio di Dio? Tutto nella vita di Gesù è accaduto in modo sequenziale, connesso, centrato, graduale, evolutivo, perché è in questo modo che Gesù desidera ricondurre l’umanità a Dio. La sequenza a spirale del nostro DNA, in cui Gesù è entrato per entrare nella vita terrena, e alla quale è così rigorosamente legato il tutto della nostra vita, è in piccolo l’immagine della sequenza a spirale energetica dalle proporzioni inimmaginabili che, nei giorni della creazione, è uscita dalla bocca di Dio, la Parola, il Logos di Dio, da cui tutto ha avuto origine. La Parola di Dio, la davàr ebraica – vocabolo che traduce in una parola la totalità dell’atto-vibrazione creativa di Dio – esce dalla bocca di Dio come una sequenza energetica a forma di spirale. L’energia che usciva da Gesù, energia che tutto guariva e sanava, usciva come una sequenza energetica a forma di spirale. Allo stesso modo la potenza dello Spirito Paraclito si avventa sui figli di Dio per permearli dei suoi doni.    
Per quanto la vita ci possa sembrare assurda, ingiusta, strana, arbitraria, indebita, immotivata, scorretta, bizzarra, inconcepibile, contraddittoria, delirante, inammissibile, insensata, allucinante, paradossale, ingiustificata, grottesca, disordinata, irragionevole, capricciosa, comunque la vita è sempre, sempre, sempre giusta.
Il centro della spirale della vita dell’umanità, il suo vortice di energia in espansione dal basso verso l’alto dovrebbe essere in tutto e sempre Immanuel, Dio con noi.