Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Venerdì 13 Agosto 2021

19a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno
Giosuè 24,1-13; Salmo 135,1a.2a.3a.16a.17a.18a.21a.22a.24a; Vangelo di Matteo 19,3-12

Salmo 135,1a.2a.3a.16a.17a.18a.21a.22a.24a

Il suo amore è per sempre.

1 Rendete grazie al Signore perché è buono,
2 rendete grazie al Dio degli dèi,
3 rendete grazie al Signore dei signori.

16 Guidò il suo popolo nel deserto,
17 colpì grandi sovrani,
18 uccise sovrani potenti.

21 Diede in eredità la loro terra,
22 in eredità a Israele suo servo.
24 Ci ha liberati dai nostri avversari.

Vangelo di Matteo 19,3-12

In quel tempo 3 si avvicinarono a Gesù alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: «È lecito a un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?
4 Egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina 5 e disse: “Per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne”? 6 Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
7
Gli domandarono: «Perché allora Mosè ha ordinato di darle l’atto di ripudio e di ripudiarla?» 8 Rispose loro: «Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così. 9 Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un’altra, commette adulterio».
10
Gli dissero i suoi discepoli: «Se questa è la situazione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi».
11
Egli rispose loro: «Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. 12 Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».

Cuore duro

Fino a che il cuore dell’uomo sarà indurito dal non amare, non sarà in grado di sentire, di leggere, di comprendere la legge della vita, dell’amore, dell’unità che Dio gli ha scritto dentro per vivere in pace e nella bellezza. Se non sarà in grado di sentire e leggere dentro di sé, l’uomo rimarrà sordo e cieco difronte alle procedure divine, quindi non potrà evolversi in alcun modo e rimarrà ignorante e dipendente. In tale stato di ignoranza e di vuoto percettivo, l’uomo sarà costretto a trovare i suoi riferimenti e a cercare le sue leggi sempre fuori di sé, e queste non potranno mai essere leggi di amore e di luce ma leggi di morte, possesso e separazione. Anche le leggi stesse che Dio ha dovuto far conoscere all’umanità per evitarle l’autodistruzione, non ha potuto scriverle nel cuore dell’uomo, ma fuori dall’uomo, nella pietra, nel legno, nelle tradizioni, nei rotoli. Queste leggi, pur essendo leggi divine, rimangono leggi esterne all’uomo, irrimediabilmente e tristemente legate alla paura e alla morte. Le leggi che dicono non rubare, non uccidere sono forse leggi di vita, di amore, di unità? No, sono leggi di paura e di morte, per impedire all’uomo di viaggiare nella morte senza nemmeno saperlo. Le leggi che dicono, occhio per occhio, dente per dente, sono forse leggi di vita, di amore, di unità? No, sono leggi di paura e di morte che hanno l’unico scopo di impedire la totale sparizione dell’uomo dalla faccia della terra e di offrire tempo e occasioni all’umanità per rendersi lentamente consapevole che non può essere il rancore il suo destino, non può essere la vendetta la soluzione finale per equilibrare i torti e vivere la giustizia, non può essere il potere l’unico sistema di distribuzione e condivisione delle risorse della terra, né il dominio l’unico modo di rapportarsi e collaborare con gli altri.
Come potrà l’uomo far girare in modo armonioso la ruota della sua vita se i raggi delle sue azioni e delle sue scelte non si dipartono dal mozzo del suo cuore? Come potrà l’uomo onorare la vita, se stesso, Dio, l’amore, l’unità se è scollegato dal proprio divino sentire, se i raggi dei suoi giorni girano lontani dal mozzo? Ritornare con coerenza a rispettare il proprio divino sentire non è anarchia spirituale, egocentrismo intellettuale, è invece ricollegarsi con amore e rispetto a quello che Dio ha scritto da sempre dentro il cuore e lo spirito dei suoi figli. Il sacro sentire del cuore umano è l’asse su cui tutto può tornare a girare in equilibrio e armonia, è il cardine del movimento della vita e dell’amore. Quando l’uomo inizierà a obbedire con amore e coerenza al suo sacro sentire, non avrà più bisogno di amare le mortali leggi esterne per sopravvivere, ma potrà tornare a vivere secondo gli archetipi universali dell’unità, unità con se stesso, con Dio, con il creato, con i fratelli. Quando l’uomo tornerà a girare secondo il mozzo della vita, dell’amore e dell’unità che Dio gli ha scritto dentro, inizierà nuovamente a salire verso l’alto, seguendo la spirale che da questa terra porta fino al cielo. Gesù ci ha offerto una rivelazione unica e meravigliosa, ci ha rivelato cosa Dio ha scritto nel cuore dei suoi figli dall’istante della creazione, le Beatitudini. Le Beatitudini sono le leggi della vita, dell’amore e dell’unità.