Domenica 17 Gennaio 2021

2a del Tempo Ordinario – Anno B

Parola del giorno
Primo libro di Samuèle 3,3b-10.19; Salmo 39,2.4b.7-10; Prima lettera ai Corìnzi 6,13c-15a.17-20; Vangelo di Giovanni 1,35-42

Salmo 39,2.4b.7-10

Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

2 Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato,
ha dato ascolto al mio grido.
4 Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo,
una lode al nostro Dio.

7 Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.
8 Allora ho detto: «Ecco, io vengo».

«Nel rotolo del libro su di me è scritto
9 di fare la tua volontà:
mio Dio, questo io desidero;
la tua legge è nel mio intimo».

10 Ho annunciato la tua giustizia
nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

Vangelo di Giovanni 1,35-42

In quel tempo 35 Giovanni stava con due dei suoi discepoli 36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!» 37 E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38 Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?» Gli risposero: «Rabbì - che, tradotto, significa Maestro -, dove dimori?» 39 Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
40 Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41 Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» - che si traduce Cristo - 42 e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa», che significa Pietro.

Venite e vedrete

Venite e vedrete, il venite è espresso con il verbo greco èrchomai.
Èrchomai, “vengo, vado”, indica il muoversi in fretta, con determinazione, l’affrettarsi per via. Il verbo èrchomai non indica semplicemente il giungere, l’arrivare, specifica il penetrare, il mettere piede lì dove si è giunti. L’etimologia indica il movimento veloce, impetuoso, è lo scoccare di una freccia, è il versare l’acqua, il riversarsi di una cascata, la velocità di un lancio.
Il venite e vedrete di Gesù, che è una risposta alla domanda dei discepoli di Giovanni Immergitore: Maestro dove dimori?, in verità non è una risposta è una rivelazione. Venite e vedrete non indica un posto, un luogo, un indirizzo, ma un modo di essere, di diventare, di essere indirizzati. È come dire: riversatevi interamente in me con l’impeto di una cascata e io mi riverserò completamente in voi, allora vedrete, vedrete nella consapevolezza, al di là della nube della non conoscenza, e vi si aprirà l’intelligenza e conoscerete la via della Vita. Venite e vedrete non indica una casa, ma un modo di abitare la casa-terra e la dimora-vita. Venite e vedrete non indica un posto, ma lo spazio divino, intimo e riservato dove incontrare Gesù, dove incontrare il cuore e il respiro di Dio. Venite e vedrete non è un invito, ma è la rivelazione altissima e mai prima udita, è la rivelazione del compimento della storia della liberazione, è la rivelazione dell’accaduta incarnazione. Venite e vedrete non rivela dov’è la casa di Gesù, ma che Gesù ha posto la sua casa e la sua dimora tra noi, non rivela il luogo dove possiamo andare a trovarlo, ma che lui è venuto a trovare noi. Questo è il senso dell’accenno, da parte dell’evangelista, all’orario di quel momento: erano circa le quattro del pomeriggio, con chiaro ed esplicito riferimento al numero che rappresenta ciò che è della terra e appartiene alla vita in questa dimensione umana, il quattro appunto, sottolineando come questa dimensione terrestre, questa storia umana non può né deve attendere altri per la propria liberazione e salvezza. Il numero quattro è qui usato per annunciare che in Gesù la rivelazione di ogni cosa si compie e si completa. La decisione dell’uomo, se essere per Gesù o contro Gesù, deciderà la sorte dell’umanità sulla terra prima ancora che in cielo. Gesù rivela se stesso come colui nel quale l’umanità può incontrare Dio e rimanere abbracciata stretta stretta al suo Eterno amante Creatore. Venite e vedrete afferma che tutto è uscito dalle mani di Gesù e tutto vi farà ritorno e che non riusciremo a vedere, a comprendere nulla della vita meravigliosa che ci è stata donata sino a quando non sapremo andare a lui, riversarci in lui come piena cascata, perché lui si riversi in noi e ci riempia di sé e della sua luce, nella pienezza della conoscenza. Venite e vedrete afferma anche che nessuno, assolutamente nessuno può andare a lui e iniziare a vedere al nostro posto, perché il modo, l’intensità, la passione, la delicatezza, la grazia, l’impeto, la decisione, la cura con cui ognuno di noi andrà a lui e in lui si riverserà e lui si riverserà in ciascuno sono assolutamente unici e irripetibili, così come unico e irripetibile sarà il modo in cui ciascuno inizierà a vedere la luce della vita nella pienezza e nella consapevolezza.

Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.