Giovedì 25 Giugno 2020

12a settimana del Tempo Ordinario

Parola del giorno
Secondo libro dei Re 24,8-17; Salmo 78,1-5.8-9; Vangelo di Matteo 7,21-29

Salmo 78,1-5.8-9

Salvaci, Signore, per la gloria del tuo nome.

1 O Dio, nella tua eredità sono entrate le genti:
hanno profanato il tuo santo tempio,
hanno ridotto Gerusalemme in macerie.
2
Hanno abbandonato i cadaveri dei tuoi servi
in pasto agli uccelli del cielo,
la carne dei tuoi fedeli agli animali selvatici.

3 Hanno versato il loro sangue come acqua
intorno a Gerusalemme
e nessuno seppelliva.
4
Siamo divenuti il disprezzo dei nostri vicini,
lo scherno e la derisione di chi ci sta intorno.
5
Fino a quando sarai adirato, Signore: per sempre?
Arderà come fuoco la tua gelosia?

8 Non imputare a noi le colpe dei nostri antenati:
presto ci venga incontro la tua misericordia,
perché siamo così poveri!
9
Aiutaci, o Dio, nostra salvezza,
per la gloria del tuo nome;
liberaci e perdona i nostri peccati
a motivo del tuo nome.

Vangelo di Matteo 7,21-29

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 21 «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. 22 In quel giorno molti mi diranno: “Signore, Signore, non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse scacciato demòni? E nel tuo nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi?”
23
Ma allora io dichiarerò loro: “Non vi ho mai conosciuti. Allontanatevi da me, voi che operate l'iniquità!”
24
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. 25 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.
26
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. 27 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande». 28 Quando Gesù ebbe terminato questi discorsi, le folle erano stupite del suo insegnamento: 29 egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come i loro scribi.

Akùo e poièo

Chiunque ascolta e fa è la procedura per poter costruire la propria vita forte e resistente contro il Maligno, come una casa sulla roccia, forte e resistente contro le tempeste e il vento.
Ascoltare. Il verbo evangelico è akùo, “ascolto, sento, imparo, apprendo; vengo a conoscere; afferro con l’udito; do retta, obbedisco, esaudisco; aderisco”. Non è solo percepire con l’udito, ma è anche percepire e insieme ubbidire spiritualmente. Akùo è ancora “ascolto con attenzione, comprendo e apprendo, esaudisco”. Si tratta di essere in uno stato di attenzione acustica dove, insieme all’orecchio, proteso a sentire ogni cosa, anche tutto l’essere è in uno stato di percezione per orientarsi. È l’ascolto attento, totalizzante di colui che in un bosco, ascoltando i rumori e i suoni, non solo capisce dov’è e cosa si sta muovendo, ma anche si orienta e orienta il proprio cammino. La radice di questo verbo parla di “umiltà”: la sua base accadica aku significa infatti “umile”. 
La Parola prevede l’umile ascolto e insieme il poièin, il fare. Il verbo poièo, “faccio, creo, procuro; fabbrico, produco, realizzo, compio, eseguo, opero, agisco”, indica l’azione di eseguire un’opera, un lavoro, un compito. Pachu, “fare”, è la base accadica di questo verbo, indica il portare a compimento l’esecuzione di un’opera, quindi poièo si traduce anche con “concludo, finisco, risolvo, termino, ultimo un progetto”. Poièo indica il mettersi in moto per iniziare, compiere e concludere un’opera, è il fare, l’eseguire un progetto da cima a fondo.
Secondo le parole di Gesù, rispetto alle procedure evangeliche, è chiaro che nella vita non si possono mai separare questi due verbi akùo e poièo, pena la costruzione di una casa, di una vita spirituale e sociale pericolosamente fondata sulla sabbia, sul nulla. Ascoltare umilmente e fare con passione la Parola è l’unico modo per realizzare il vangelo e renderlo vivo e splendidamente contagioso nella vita. È l’unico modo per essere di Gesù e per essere da lui riconosciuti come figli di Dio. Nessuno di noi sarà mai perfetto su questa terra nel realizzare con pienezza e coerenza l’unione di questi due verbi rispetto al vangelo, ma Dio non chiede perfezione per riconoscerci come figli, chiede piuttosto costante passione per non mollare, intramontabile desiderio per non scoraggiarsi, continua umiltà per chiedere perdono e ricominciare, ricominciare sempre e comunque. Al termine della nostra vita il Signore non ci riconoscerà suoi figli e amici se ci incontrerà vittoriosi, con l’albero del nostro orgoglio, della vanità e pigrizia, dei vizi, delle invidie e ambizioni, dei possessi, delle presunzioni e mancanze di amore  completamente abbattuto ai nostri piedi, ma se ci incontrerà con l’accetta in mano ancora umilmente e tenacemente al lavoro.
Non la giustizia, il senso del dovere, la paura dell’inferno, la legge, l’ambizione hanno la forza di tenere incollati tra loro questi due verbi akùo e poièo, per realizzare il vangelo nella vita quotidiana. L’amore, solo l’amore è la colla suprema che ha il potere di tenere tenacemente e quotidianamente incollati questi due verbi per realizzare la potenza del vangelo. L’amore nessuno lo possiede, l’amore non è una meta, è un cammino, l’amore si impara, l’amore si chiede e si implora a Dio, che è Amore, si implora a lungo, a lungo, senza mai stancarsi, nell’intimità del cuore.
Secondo Gesù, chi non desidera imparare ad amare e non vuole fondare la sua vita sull’amore, è semplicemente uno stolto, perché costruisce per la propria rovina.
Gesù usa due analogie per distinguere due modi opposti di interpretare, intraprendere e costruire la vita: una casa costruita sulla sabbia è una vita senza imparare ad amare, una casa costruita sulla roccia è una vita che umilmente impara ad amare. Sabbia e roccia sono lo stesso materiale osservato in tempi diversi. La sabbia era roccia che attraverso il tempo si è usurata e frantumata in miliardi d’infinitesimali cristalli. L’amore può essere eroso dai venti della mancanza di fede, dalle tempeste di povertà e miseria, provocate dall’assenza della forza del desiderio, dallo spegnimento della passione, dalla riduzione dell’entusiasmo, dalla negazione della potenza guaritrice del perdono dato e implorato. La roccia può diventare sabbia, ma è anche vero che al fuoco dello Spirito Paraclito e dell’Amore divino la sabbia può rifondersi in lava e diventare nuova roccia, roccia d’amore su cui costruire casa, vita, città e storia.

Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.

Symphonein 15 agosto 2020 ore 17:00 - Accordati e sincronizzati nella preghiera