Domenica 28 Luglio 2019

Salmo 137,1-3.6-8

Nel giorno in cui ti ho invocato mi hai risposto.

1 Ti rendo grazie, Signore, con tutto il cuore:
hai ascoltato le parole della mia bocca.
Non agli dèi, ma a te voglio cantare,
2
mi prostro verso il tuo tempio santo.

Rendo grazie al tuo nome
per il tuo amore e la tua fedeltà:
hai reso la tua promessa più grande del tuo nome.
3
Nel giorno in cui ti ho invocato, mi hai risposto,
hai accresciuto in me la forza.

6 Perché eccelso è il Signore, ma guarda verso l’umile;
il superbo invece lo riconosce da lontano.
7
Se cammino in mezzo al pericolo, tu mi ridoni vita;
contro la collera dei miei avversari stendi la tua mano.

La tua destra mi salva.
8
Il Signore farà tutto per me.
Signore, il tuo amore è per sempre:
non abbandonare l’opera delle tue mani.

Vangelo di Luca 11,1-13

1 Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». 2 Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
“Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
3
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
4
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione”».
5
Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, 6 perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; 7 e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, 8 vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.
9
Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. 10 Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. 11 Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? 12 O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? 13 Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!»

Pregare

Perché pregare? Perché ripetere tante volte le stesse parole? Perché Gesù stesso, in Luca 18, racconta addirittura una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai? Perché è così fondamentale pregare, tanto che Gesù insegna una preghiera, la preghiera per eccellenza, ai suoi discepoli? Forse che con la preghiera l’uomo deve far pervenire a Dio le proprie necessità, altrimenti Dio non le conosce? Forse che la preghiera incessante deve convincere un Dio capriccioso e lunatico? Forse che la preghiera serve ad attirare l’attenzione di un Dio distratto, occupato in tutt’altro? Forse che con la preghiera l’uomo deve convincere Dio delle proprie necessità? Forse che Dio ascolta l’uomo solo se è insistente? Dio ha bisogno della preghiera dell’uomo per concedere all’uomo ciò che all’uomo serve e di cui necessita? Perché pregare?
Pregare sostituisce lentamente l’antico dialogo interiore, abituato a pensare male di Dio, con un dialogo più corretto, rispettoso nei confronti di Dio, fino a farlo diventare un dialogo interiore con Dio, amante e grato.
Pregare non fa conoscere a Dio le necessità dell’uomo, Dio le conosce già e molto meglio dell’uomo stesso, ma fa in modo che l’uomo affini le proprie necessità, cresca e maturi nella percezione di ciò che ritiene importante e indispensabile per la propria vita. Pregare è un modo efficacissimo per crescere nella consapevolezza di ciò che nella vita conta o non conta.
Pregare serve a far crescere il desiderio di ciò che si desidera, e a comprendere se veramente è un desiderio che ci conduce alla felicità e alla gioia. Pregare purifica i desideri e rassoda i progetti, consolida le intenzioni.
Pregare rende capace il cuore dell’uomo, lo rende capace nel senso etimologico del termine, rende cioè il cuore capiente, capace di contenere ciò che Dio desidera donare all’uomo. Dio non può donare all’uomo quello che l’uomo non è in grado di ricevere, non è pronto a ricevere, non è capace di ricevere.
Pregare serve a fare pace con Dio e pace con i fratelli, non si può pregare se non si è in pace con i fratelli. La prima preghiera del cuore dovrebbe sempre essere una preghiera per chiedere perdono a Dio dei propri sbagli di mira rispetto all’amore e per offrire perdono a chi ha sbagliato mira nei nostri confronti rispetto all’amore. 
Pregare serve a imparare a dialogare con Dio finché siamo su questa terra, a intensificare il dialogo di amore con lui, perché con lui dialogheremo per tutta l’eternità. Serve ad allenare l’uomo a unirsi, già su questa terra, all’immenso coro di tutte le presenze celesti e di tutte le creature che giorno e notte inneggiano al Creatore, perché un giorno anche l’umanità si unirà in cielo a questo coro.
Pregare serve a trasformare la vita in ringraziamento. Un ringraziamento incessante, stabile, sicuro, onorato, radioso, felice.
Pregare non serve a convincere Dio perché scenda verso l’uomo ma serve a far crescere l’uomo perché si innalzi verso Dio.

Chiedi e ti sarà dato,
perché, se chiedi, sei già cambiato nel desiderio
e nella capacità di ricevere ciò che chiedi.
Cercate e troverete,
perché, se cercate e non mollate la ricerca,
se nulla vi stanca in questa ricerca,
se nulla vi delude in questa ricerca,
se nulla vi blocca, vi amareggia, vi spaventa in questa ricerca,
significa che avete già trovato, veramente avete già trovato.
Bussate e vi sarà aperto,
perché, se bussate, avete ancora fede in ciò che è oltre,
in ciò che non si vede ma si sente.
Se bussate, vi sarà aperto,
perché siete certi che qualcuno verrà ad aprire,
perché è sempre lì, immancabilmente, e aspetta.
Se bussate, significa che alla porta comunque siete giunti,
se bussate è già aperto.

 

Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.