Giovedì 2 Maggio 2019

2a settimana di Pasqua

Parola del giorno
Atti degli Apostoli 5,27-33; Salmo 33,2.9.17-20; Vangelo di Giovanni 3,31-36

Salmo 33,2.9.17-20

Ascolta, Signore, il grido del povero.
Oppure: Alleluia, alleluia, alleluia.

2 Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
9
Gustate e vedete com’è buono il Signore;
beato l’uomo che in lui si rifugia.

17 Il volto del Signore contro i malfattori,
per eliminarne dalla terra il ricordo.
18
Gridano e il Signore li ascolta,
li libera da tutte le loro angosce.

19 Il Signore è vicino a chi ha il cuore spezzato,
egli salva gli spiriti affranti.
20
Molti sono i mali del giusto,
ma da tutti lo libera il Signore.

Vangelo di Giovanni 3,31-36

31 Chi viene dall’alto è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla secondo la terra. Chi viene dal cielo è al di sopra di tutti. 32 Egli attesta ciò che ha visto e udito, eppure nessuno accetta la sua testimonianza. 33 Chi ne accetta la testimonianza, conferma che Dio è veritiero. 34 Colui infatti che Dio ha mandato dice le parole di Dio: senza misura egli dà lo Spirito.
35
Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. 36 Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui.

Dall’alto

Gesù che viene dall’alto, perché mandato da Dio, Gesù che parla le parole di Dio e senza misura dà lo Spirito, Gesù il Figlio che il Padre ama e al quale il Padre ha dato in mano ogni cosa, Gesù che viene dal cielo ed è al di sopra di tutti è odiato dai capi dei sacerdoti del tempio, allora come oggi. I capi dei sacerdoti del tempio, di oggi come di allora, non sopportano Gesù, perché vengono dalla terra, appartengono alla terra, parlano secondo la terra. I capi dei sacerdoti del tempio di allora, che ritenevano di parlare in nome di Dio, hanno cercato in tutti i modi di osteggiare Gesù, di dimostrare che lui era un impostore, un eretico, un bestemmiatore. I capi dei sacerdoti del tempio di oggi, che ritengono di parlare in nome di Dio, cercano in tutti i modi di allontanare il vangelo dal cuore e dall’intelligenza della gente, identificando Gesù con i valori della giustizia, dell’uguaglianza e della pace, esaltando la sua figura e la sua storia in modo devozionale e moralistico. I capi dei sacerdoti del tempio prendono il messaggio di Gesù e lo distorcono secondo i loro interessi, coltivano lo spirito e il cuore dei popoli con ogni menzogna e falsità, per creare paura e allontanare la gente dal vangelo, e usano il nome di Gesù per tenere l’opinione pubblica a favore di se stessi. I capi dei sacerdoti del tempio hanno fatto in modo che chi cerca veramente di seguire e amare il vangelo di Gesù deve essere ritenuto un reietto, un dissidente, perché reca offesa al loro potere e alla loro autorità. Verranno giorni in cui i capi dei sacerdoti del tempio, negando l’evidenza, faranno tacere con violenza le voci che cercheranno di spiegare umilmente ma con ardore alla gente la sapienza e la potenza del vangelo, e cercheranno di fermare le mani e le intelligenze di coloro che sono impegnati a sostenere l’uomo nell’aiutare se stesso, per trovare in se stesso e in Dio la via verso la guarigione dalle malattie e la via della felicità. I capi dei sacerdoti del tempio spiegheranno ai popoli che per seguire Gesù, la pace e l’unità non sarà affatto necessario seguire il vangelo, ma le leggi e gli ordinamenti della politica. Anzi, arriverà il giorno in cui i capi dei sacerdoti del tempio annunceranno che chi vuole adorare il Dio vero, il Dio di tutti i popoli, dovrà astenersi dall’adorare l’Eucaristia, dal pregare Maria come fosse una divinità, e soprattutto astenersi dalla conoscenza del vangelo. I capi dei sacerdoti del tempio faranno paura alla gente e in modo sottile e subdolo spiegheranno che conoscere e seguire le procedure del vangelo sarà pericoloso, sarà anti-civile, segno di un animo razzista e settario.
I capi dei sacerdoti del tempio, dall’alto dei loro troni, persuaderanno i popoli che le drastiche misure di tassazione, e di prelievo delle sostanze economiche private non saranno per dissanguare i popoli, ma per riattivare il vero progresso sociale e civile. I capi dei sacerdoti del tempio, avvolti nelle loro morbide vesti da prìncipi, riuniti in associazioni segrete, sacrificheranno sacrifici a Satana e, nel frattempo, persuaderanno i popoli con voce suadente a sottomettersi alla povertà e alla miseria, e a farlo con gioia, gratitudine, amore e dignità. Persuaderanno i popoli ad accogliere come un dono, senza ribellarsi né discutere, la possibilità di entrare in un nuovo ordine mondiale, guidato dall’imposizione salutare di un governo unico e centralizzato, progetto, questo, generato dalle più alte e sottili intelligenze umane, votate ovviamente solo e unicamente al servizio del bene comune. Verranno giorni in cui i capi dei sacerdoti del tempio saranno così contaminati dal Maligno, che si daranno battaglia e si uccideranno gli uni gli altri per avere i posti di comando, per sedere sulle poltrone del potere e ricevere l’onore e l’omaggio dei popoli. I capi dei sacerdoti del tempio spingeranno i popoli alla guerra globale come se fosse un atto inevitabile giusto e santo per liberare il mondo dai malvagi, dalle divisioni causate da coloro che non si sottometteranno alla benedizione del nuovo ordine mondiale, e lo faranno ancora una volta in nome di Dio. E Dio cosa farà? Dio sta già facendo. Dio si sta già creando un popolo nuovo, un popolo che ama suo Figlio Gesù, un popolo pieno di Spirito Paraclito, un popolo che conosce le procedure del vangelo, che le usa per il proprio benessere, un popolo intelligente che desidera essere felice, autonomo, libero e amante, un popolo che non ha paura di chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla secondo la terra.

Questa sezione presenta quotidianamente il Vangelo del Giorno accompagnato da una riflessione, insieme all'antifona e al Salmo corrispondente, che in alcuni particolari periodi dell’anno liturgico potranno essere musicati e cantati. Ogni giorno potrai vivere la Parola, leggerne il commento e scaricare tutto in formato PDF dalla sezione sinistra del sito.