Martedì 1 gennaio 2019

PDF della traccia

L’esperienza intima o comunitaria della preghiera e della lode a Dio è un’esperienza del cuore e dello spirito. Ogni ripresa audio-video e la relativa trasmissione pubblica o privata, ne tradisce profondamente il valore, ne snatura il senso, ne annulla l’efficacia. Durante Symphonein, nel sito di People in Praise non avrà luogo alcun evento online, né alcuna trasmissione in streaming.
Qualsiasi altra esperienza analoga, organizzata da chiunque e riferita a People in Praise, o che comunque utilizza il materiale di People in Praise, dovrà attenersi a quanto sopra.


Symphonein nel giorno di Martedì 1 gennaio 2019, ore 17:00
Maria Santissima Madre di Dio

Indicazioni sul metodo
Scegliamo un ambiente raccolto.

Se possibile, esponiamo un’immagine della Sindone da illuminare con tre candele, sulla quale raccogliere morbidamente lo sguardo.
Facciamo precedere alla preghiera alcuni istanti di silenzio e di raccoglimento.
Può essere molto utile sincronizzarsi sul proprio respiro.
Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità, senza ansia né fretta.
La fretta è nemica della preghiera e dell’unione con Dio.
 


TRACCIA PER LA PREGHIERA

Guida:    Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Tutti:      Amen.
Guida:    Benediciamo Dio, origine e fonte di ogni bene.
Tutti:      Amen.

Ripetiamo la seguente invocazione molto lentamente, quasi sottovoce, per qualche minuto, per poi concluderla con tre Gloria al Padre.

Tutti:    Spirito Santo Paraclito, Consolatore e Difensore,
            guida e ispira la nostra preghiera. Amen.

            Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
            Com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. (tre volte)

Mostraci Signore la tua misericordia

Salmo 84,9.10-14

Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza.

9 Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annuncia la pace per il suo popolo per i suoi fedeli.
10 Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra.

11 Amore e verità s’incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.
12 Verità germoglierà dalla terra
e giustizia si affaccerà dal cielo.

13 Certo, il Signore donerà il suo bene
e la nostra terra darà il suo frutto;
14 giustizia camminerà davanti a lui:
i suoi passi tracceranno il cammino.

1. Chiedere e offrire perdono

Il primo passo per pregare è disconnettersi da tutti i NO detti alla vita, a Dio-Vita, a se stessi, agli altri, e disintossicarsi da tutte le emozioni provocate da questi NO, che sono emozioni di rabbia, rancore, ira, indifferenza, fastidio, paura. Il primo passo è disconnettersi da tutti i NO detti a Dio-Vita, a se stessi, agli altri perché i NO sono sempre forme di giudizio che avvelenano i pensieri e tutta la persona. Chiedere perdono a Dio di tutte le volte che abbiamo pensato male di lui, della vita, di noi stessi e degli altri e offrire perdono a tutti i fratelli che, in qualche modo, consapevolmente o no, ci hanno ferito e fatto del male, è assolutamente indispensabile per poter pregare.  

Guida: Chiediamo perdono con tutto il cuore di tutte le volte che abbiamo pensato male di Dio, lo abbiamo giudicato e imprigionato dentro le sbarre delle nostre umane convinzioni e dei nostri ragionamenti.

Momento di silenzio.
Centriamo e concentriamo dentro le parole e le note del canto tutto il nostro desiderio di essere perdonati da Dio per ogni volta che abbiamo pensato male di lui e non abbiamo amato i fratelli, assieme a tutto il nostro desiderio di offrire perdono ai nostri fratelli.

Kyrie Eleison

Kyrie eleison
Kyrie eleison
Kyrie eleison
Kyrie eleison

Christe eleison
Christe eleison
Christe eleison

Crea in me o Dio un cuore puro

Salmo 50,3-4.12-15

Crea in me, o Dio, un cuore puro.

3 Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la mia iniquità.
4
Lavami tutto dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro.

12 Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
13
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

14 Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
15
Insegnerò ai ribelli le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.

2. Sostituire i dialoghi interiori velenosi e letali

La vibrazione energetica dei nostri pensieri è composta sempre e immancabilmente da energia e informazioni. Se desideriamo non vivere più dentro di noi la vibrazione negativa, disarmonica e letale di un certo tipo di pensieri, non c’è alcun sistema al mondo per bloccare e combattere quella vibrazione di pensieri. La vibrazione energetica di quei pensieri non può essere bloccata e combattuta ma può essere sostituita con un altro tipo di vibrazione e, dunque, con un altro tipo di energia e informazioni. La Parola di Dio e la Parola di Gesù contengono l’eccellenza in fatto di energia e informazioni.

Momento di silenzio.
Segue la lettura di un brano del vangelo, da parte di un lettore; la lettura sia eseguita tranquillamente, senza fretta, facendo risuonare sia le parole che il senso del testo.

Lettura
Dal Vangelo di Luca 2,16-21

In quel tempo, i pastori 16 andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. 17 E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
18 Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. 19 Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.
20 I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.
21 Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Segue la lettura della meditazione da parte di un lettore.

Meditazione
La fede corre

Se sei triste, affrettati. Non agitarti, ma affrettati.
Se ti senti solo, inutile, vuoto, affrettati, non aspettare.
Se le tue relazioni non funzionano, vuol dire che ripeti continuamente gli stessi pietosi errori di valutazione affettiva, se vuoi cambiare, affrettati.
Se non ti senti sereno, affrettati. Non aspettare.
Se il tuo rapporto con Dio è fiacco, povero, lento, casuale, affrettati. Se il tuo rapporto con te stesso è scarno, annoiato, indeciso, inconcludente, affrettati, senza ansia, ma affrettati, non aspettare.
Affrettati a fare cosa? Ma quello che hanno fatto quei pastori, quei poveri pastori messi lì davanti a quella grotta, in quel crocevia cosmico dove la Luce si è data alla luce, dove Dio ha incontrato l’uomo, dove Gesù è nato, dove la Vita si è partorita alla vita.
E cosa hanno fatto quei pastori di così speciale? Cosa si sono affrettati a fare? Si sono affrettati a fare il gesto più ampio del mondo, si sono avventati a compiere l’azione per eccellenza. Si sono offerti al movimento preferito dell’anima e di Dio. Si sono dedicati in fretta, subito, all’atteggiamento interiore che è più potente del male, che illumina più del sole, che scalda più dell’amore, che stupisce più della morte. Si sono affrettati a compiere l’atto onnicomprensivo dell’esistenza, il più duraturo, che attraversa già da ora il tempo e lo spazio, che quando sconfina e trasborda dal cuore è perfino più grande della fede e rende divina la carità. Si sono affrettati a compiere l’azione senza la quale ogni virtù è solo noiosa attività morale, il bene squallido esercizio di dovere, la condivisione è una monotona attività sociale. Senza questo status dell’anima, l’uomo riesce a essere fedele solo alla critica, perseverante solo nel giudicare, attento solo ai propri interessi. Affrettati a uscire dalla monotonia, dal fastidio del quotidiano, dalla nausea esistenziale, affrettati.
Ma cosa hanno fatto i pastori? È scritto: I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto.
Ecco, affrettati a ringraziare. Sempre e per tutto. Fallo senza interferire con la mente. Fallo subito, ora.
Affrettati a rendere lode a Dio, a ringraziare anche senza un perché, anche senza sentirlo all’inizio. Fallo come respiri, fallo quanto respiri, fallo a ogni respiro. Ti cambierà la vita per sempre. Non sarai mai più lo stesso.
Affrettati a rendere lode a Dio per tutto sempre. Posizionati in questo status qualsiasi cosa accada. Non giudicare nulla, ringrazia sempre. È l’attività spirituale più potente che c’è, ti renderà più sapiente e più sereno, più bello e più sano. Non cercare di capire, non tergiversare mentalmente. Anche adesso tu vuoi cercare di capire il perché di ogni cosa, se poi c’è qualcosa di buono e che è secondo le tue aspettative, eventualmente ringrazi. No, affrettati a cambiare tutto questo meccanismo: ringrazia, loda Dio sempre e per ogni cosa anche se non ti piace e non capisci, e un po’ alla volta capirai, capirai quanto adesso non puoi nemmeno immaginare.
Quando cammini, non pensare solo a dove stai andando, ringrazia e loda per quel camminare e la tua camminata sarà più equilibrata e armoniosa. Quando mangi, gusta e ringrazia, assorbirai meglio il cibo e la vita. Nelle relazioni, negli affetti non pensare a dove vuoi arrivare, a cosa puoi perdere, ma ringrazia e loda per ogni più piccolo bene scaturito dal tuo cuore e ricevuto dalla tua anima.
Affrettati a lodare Dio e a benedire il suo nome sempre, come i pastori, semplicemente e con il sorriso, la Vita ti spalancherà le braccia e il tuo malessere di adesso sarà solo un ricordo di cui ringraziare.


Di seguito è riportato il testo del Magnificat, tradotto direttamente dalla lingua greca per gustarne l’intensità delle parole e la potenza delle accezioni. Al tramonto del sole, ogni giorno, al canto del Vespro, tutta la chiesa si unisce a Maria e in questo cantico magnifica Dio e la sua fedeltà.
Recitiamolo assieme.

Tutto il mio essere magnifica il Signore
e il mio spirito è pieno di gioia in Dio mio Salvatore,
perché ha fissato lo sguardo sull’umiltà della sua serva.
Ecco infatti da ora tutte le generazioni mi diranno beata,
perché il Potente ha compiuto in me cose grandi
e Santo è il suo Nome.
E la sua misericordia per generazioni e generazioni
è per coloro che lo temono.
Ha fatto forza con il suo braccio,
ha disperso i superbi nel piano del loro cuore.
Ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili,
ha riempito di beni gli affamati
e ha mandato via i ricchi a mani vuote.
Sostiene Israele suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva parlato ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza
per sempre.

Benedici il Signore

Salmo 103,1-4.24-25.27-30

Benedici il Signore, anima mia.

1 Sei tanto grande, Signore, mio Dio!
Sei rivestito di maestà e di splendore,
2
avvolto di luce come di un manto,
tu che distendi i cieli come una tenda.

3 Costruisci sulle acque le tue alte dimore,
fai delle nubi il tuo carro,
cammini sulle ali del vento,
4 fai dei venti i tuoi messaggeri
e dei fulmini i tuoi ministri.

24 Quante sono le tue opere, Signore!
Le hai fatte tutte con saggezza;
la terra è piena delle tue creature.
25
Ecco il mare spazioso e vasto:
là rettili e pesci senza numero,
animali piccoli e grandi.

27 Tutti da te aspettano
che tu dia loro cibo a tempo opportuno.
28
Tu lo provvedi, essi lo raccolgono;
apri la tua mano, si saziano di beni.

29 Nascondi il tuo volto: li assale il terrore;
togli loro il respiro: muoiono,
e ritornano nella loro polvere.
30
Mandi il tuo spirito, sono creati,
e rinnovi la faccia della terra.

La melodia dell’antifona che segue può essere usata anche come momento meditativo per centrarsi in Dio e abbandonarsi nelle mani di Maria. Si rallenta sensibilmente l’esecuzione, non si cantano parole ma il suono della melodia, molto lentamente, quasi da far corrispondere a ogni nota un respiro.

Risplende la regina

Salmo 44,10-12.15.16

Risplende la regina, Signore, alla tua destra.

10 Figlie di re fra le tue predilette;
alla tua destra sta la regina, in ori di Ofir.
11 Ascolta, figlia, guarda, porgi l’orecchio:
dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre.

12 Il re è invaghito della tua bellezza.
È lui il tuo signore: rendigli omaggio.
15 Dietro a lei le vergini, sue compagne,
16 condotte in gioia ed esultanza,
sono presentate nel palazzo del re.

Proposta di intenzione su cui entrare in sintonia

Prima parte:

Guida:    Chiediamo allo Spirito Paraclito, Consolatore e Difensore, di aiutarci a non scegliere mai il conflitto come soluzione dei problemi, ma di seminare sorriso e comprensione.

Durante il prossimo canto, tutta la nostra concentrazione e consapevolezza, il nostro desiderio e il nostro amore siano condensati nell’unica intenzione di preghiera proposta.

Kyrie Yeshua

Kyrie Yeshua
Yeshua eleison me

Seconda parte:

Guida:    Mettiamoci davanti a Dio con la stessa gratitudine piena e totale di Maria, con la sua gratitudine anticipata e incondizionata.
Compiamo un atto di consacrazione al cuore Immacolato di Maria, consacrando la nostra vita intera a Dio, perché diventi giorno e notte magnificat, magnificat, magnificat. Gratitudine, gratitudine, gratitudine, senza mai pensare male di Dio quando incontriamo il male, il dolore, le difficoltà.
Imploriamo Maria perché accompagni ogni passo del nostro cammino di fede.

Per la consacrazione si possono usare queste parole o quelle ispirate dallo Spirito nel momento.

Tutti:     Consacriamo a Dio la nostra vita intera perché diventi giorno e notte per sempre magnificat, magnificat, magnificat. Signore allontana da noi ogni pensiero che pensa male di te, e insegnaci a sostituirlo con pensieri di amore e di bellezza.

Durante i prossimi canti, tutta la nostra concentrazione e consapevolezza, il nostro desiderio e il nostro amore siano condensati nell’unica intenzione di preghiera:
MI CONSACRO A TE, SIGNORE MIO E DIO MIO.

Padre nostro che sei nei cieli
Santificato è il tuo nome
Il tuo regno viene
La tua volontà si compie
Come in cielo così in terra
La tua volontà si compie
Come in cielo così in terra
La tua volontà si compie

Tu ci doni il pane di ogni giorno
Tu rimetti a noi i nostri debiti
Nell’istante in cui noi li rimettiamo
Ai nostri debitori
Tu non ci induci in tentazione
Ma nella tentazione ci strappi
Dal maligno
Perché tuo il regno la potenza
E la gloria ora e per sempre
Perché tuo il regno la potenza
E la gloria ora e per sempre

Avun d(e)vashmay yo
Nethqaddash sh(e)mokh
Tithe malku thokh
Nehwe tsevyo nokh
Aykan no d(e)vashmay yo
Of bar‘o nehwe tsevyonokh
Aykan no d(e)vashmay yo
Of bar‘o nehwe tsevyonokh
Hav lan lachmo d(e)sunqonan yawmono
Washvuq lan chaubayn
Aykanno dof chnan shvaqn
L(e)chay yovayn
W(e)lo ta‘lan l(e)nesyuno
Ello patson ello patson
Men bisho
Mettul d(e)dhilo khi
Malkutho w(e)chaylo w(e)theshbuchto
Mettul d(e)dhilo khi
Malkutho w(e)chaylo w(e)theshbuchto

L(e) ‘olam ‘Ol min A min

Chaire

Onore a te Maria onore a te
Piena di Grazia
Onore a te Maria onore a te
il Signore è con te
Benedetta sei tu tra le donne
Benedetto è il frutto
Del tuo grembo Gesù

Chaire Maria Chaire Maria

Santa Maria Santa Maria
Madre del Signore
Prega per noi prega per noi
Noi figli tuoi
Ora e nell’ora del nostro ritorno
Del nostro ritorno
Alla casa del Padre.

Clicca qui e scarica pdf con testo e accordi

3. Ringraziare per vivere

Per mantenere il dialogo interiore il più possibile sano e pulito, è indispensabile trasformare il dialogo interiore in un grazie continuo, incessante. Chi ringrazia di cuore non può contemporaneamente pensare male di Dio e della vita, non può mantenere il pensiero nello stato di giudizio. Gesù indica questo quando afferma, in Luca 21,36, “pregate in ogni momento”. Cosa c’è di più bello, efficace, guarente, liberante che cantare con gratitudine a Dio, lodare, benedire il suo nome, per rimanere nella vibrazione del grazie? In questo senso lo Shabbat, il giorno del riposo, la celebrazione della festa, diventa il tempo e il luogo privilegiato non solo per ringraziare, ma per fare festa, moltiplicare la gioia e ripristinare le energie.

Ti adoreranno Signore

Salmo 71,1-2.7-8.10-13

Ti adoreranno, Signore, tutti i popoli della terra.

1 O Dio, affida al re il tuo diritto,
al figlio di re la tua giustizia;
2
egli giudichi il tuo popolo secondo giustizia
e i tuoi poveri secondo il diritto.

7 Nei suoi giorni fiorisca il giusto
e abbondi la pace,
finché non si spenga la luna.
8
E dòmini da mare a mare,
dal fiume sino ai confini della terra.

10 I re di Tarsis e delle isole portino tributi,
i re di Saba e di Seba offrano doni.
11
Tutti i re si prostrino a lui,
lo servano tutte le genti.

12 Perché egli libererà il misero che invoca
e il povero che non trova aiuto.
13
Abbia pietà del debole e del misero
e salvi la vita dei miseri.

Loda il Signore

Salmo 145,6-10

Loda il Signore, anima mia.

6 Il Signore rimane fedele per sempre,
7
rende giustizia agli oppressi,
dà il pane agli affamati.
Il Signore libera i prigionieri.

8 Il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto,
il Signore ama i giusti,
9
il Signore protegge i forestieri.

Egli sostiene l’orfano e la vedova,
ma sconvolge le vie dei malvagi.
10
Il Signore regna per sempre,
il tuo Dio, o Sion, di generazione in generazione.

4. Vivere per ringraziare

Dopo aver chiesto e offerto perdono, dopo aver sostituito le immagini e i dialoghi interiori negativi e non amanti, dopo aver trasformato i nostri pensieri in un grazie perpetuo, è ora della fioritura nella condivisione, nel servizio, nell’aiuto e nel sostegno reciproco. La preghiera che non muove le mani per distribuire benessere e sostegno attorno a sé è una preghiera vuota e muta. Questo è il momento per decidere dentro di sé, o insieme ad altri, dei piccoli gesti, delle azioni concrete e organizzate che siano un aiuto tempestivo, appropriato, momentaneo alla comunità umana.

Salmo 115,10.15-19

Camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi.

10 Ho creduto anche quando dicevo:
«Sono troppo infelice».
15
Agli occhi del Signore è preziosa
la morte dei suoi fedeli.

16 Ti prego, Signore, perché sono tuo servo;
io sono tuo servo, figlio della tua schiava:
tu hai spezzato le mie catene.
17
A te offrirò un sacrificio di ringraziamento
e invocherò il nome del Signore.

18 Adempirò i miei voti al Signore
davanti a tutto il suo popolo,
19
negli atri della casa del Signore,
in mezzo a te, Gerusalemme.

Alleluia acclamate Dio

Salmo 65,1-3.4-7.16.20

Alleluia, Alleluia, Alleluia

1 Acclamate Dio, voi tutti della terra,
2
cantate la gloria del suo nome,
dategli gloria con la lode.
3
Dite a Dio: «Terribili sono le tue opere!

4 A te si prostri tutta la terra,
a te canti inni, canti al tuo nome».
5
Venite e vedete le opere di Dio,
terribile nel suo agire sugli uomini.

6 Egli cambiò il mare in terraferma;
passarono a piedi il fiume:
per questo in lui esultiamo di gioia.
7
Con la sua forza domina in eterno.

16 Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio,
e narrerò quanto per me ha fatto.
20
Sia benedetto Dio,
che non ha respinto la mia preghiera,
non mi ha negato la sua misericordia.

Preghiera finale

Guida:    San Michele arcangelo
Tutti:      prega per noi.

Guida:    San Raffaele arcangelo
Tutti:      prega per noi.

Guida:    San Gabriele arcangelo
Tutti:      prega per noi.

Guida:    Santi padri Noè, Abramo, Mosè
Tutti:      pregate per noi.

Guida:    San Giovanni Immergitore
Tutti:      prega per noi.

Guida:    Santi apostoli di Gesù
Tutti:      pregate per noi.

Guida:    Santi martiri del vangelo
Tutti:      pregate per noi.

Guida:    San Francesco e Santa Chiara
Tutti:      pregate per noi.

Guida:    Sant’Antonio
Tutti:      prega per noi.

Guida:    Santa Rita
Tutti:      prega per noi.

Guida:    Santi e sante di Dio
Tutti:      pregate per noi.

Guida:    Santissima Maria madre di Gesù e madre nostra
Tutti:      prega per noi.


Guida:    Per intercessione della Beata Vergine Maria Assunta in cielo, il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.
Tutti:      Amen.

Il Signore ti benedica
e ti protegga
il Signore faccia brillare
il suo volto su di te
ti sia propizio
Il Signore ti benedica
e ti protegga
il Signore faccia brillare
il suo volto su di te
ti sia propizio
Il Signore sollevi verso te
il suo volto
e ponga in te pace
Il Signore sollevi verso te
il suo volto
e ponga in te pace

Note

  1. I file audio dei salmi sono disponibili nel sito www.peopleinpraise.org (sezione “Salmi e Antifone”), unitamente a testo, accordi, partiture complete e video tutorial;
  2. Il brano “Mostraci Signore la tua misericordia” è contenuto nell’opera Chaire Yeshua volume 1 di Paolo Spoladore, Ed. Usiogope, Venezia, 2013; i brani “Benedici il Signore”, “Risplende la Regina”, “Camminerò” sono contenuti nell’opera Chaire Yeshua volume 2 di Paolo Spoladore, Ed. Usiogope, Venezia, 2014; i brani “Loda il Signore” e “Alleluia acclamate Dio” sono contenuti nell’opera Chaire Yeshua volume 3 di Paolo Spoladore, Ed. Usiogope, Venezia, 2017; il brano “Kyrie Yeshua” è contenuto nei volumi Chaire Yeshua volume 1, volume 2 e volume 3 di Paolo Spoladore, Ed. Usiogope, Venezia; i brani “Kyrie eleison”, “Avun”, “Chaire”, “Peace” sono contenuti nell’opera Shiloh (libro+Cd) di Paolo Spoladore, Ed. Usiogope, Venezia, 2009. L'opera Shiloh contiene anche il brano “Megalynei Magnificat”, il cui testo, direttamente tradotto dalla lingua greca, è stato riproposto in questa traccia successivamente alla meditazione sul Vangelo.
  3. I video “Meditation & Worship” sono disponibili nel sito www.peopleinpraise.org (sezione “Meditation & Worship”) e nella sezione “Symphonein” all’interno della traccia della preghiera di Martedì 1 gennaio 2019;
  4. La riflessione “La fede corre” è tratta dal libro “La Verità Libera” di Paolo Spoladore, Ed. Usiogope, Venezia, 2018.